Riduttore di forza di attrazione in PET

Per rimuovere & appoggiare magneti potenti con facilità (realizzazione con stampante 3D)
Autore: U. Bär, Schwalbach, Germania

Problema: rimuovere magneti potenti dal metallo

Chi ha già usato un magnete con una forza di attrazione di 5 kg sa che rimuovere ripetutamente il magnete da una superficie ferromagnetica risulta alla lunga molto faticoso. Infatti, anche se il magnete si può afferrare bene, è necessario vincere la forza di attrazione.
Poiché la forza di attrazione varia in modo esponenziale in rapporto alla distanza, l'atto di rimuovere o appoggiare magneti potenti avviene in modo brusco, il che può danneggiare il magnete.

Soluzione: riduttore di forza di attrazione

Il riduttore di forza di attrazione "HeBär" è stato progettato per rimuovere o appoggiare delicatamente magneti potenti con un impiego di forza decisamente ridotto. Più precisamente, è un riduttore di forza di attrazione per parallelepipedi magnetici al neodimio di dimensioni 40×10×5 mm (Q-40-10-05-N). Viene realizzato tramite una stampante 3D.
Funzionamento
Il meccanismo a leva traduce gli ultimi millimetri in modo che la forza di tenuta di ca. 5 kg venga superata da meno di 1 kg di forza di distacco. Così, è possibile rimuovere o appoggiare i magneti delicatamente e risparmiando le proprie forze.
Informazioni per la stampa

Download file STL (ZIP - 530 KB)

Per ottenere una forza di attrazione il più elevata possibile e poter rinunciare a incollare il magnete, il magnete viene tenuto da uno strato spesso soltanto pochi layer. Perciò, si consiglia la stampa su una superficie liscia.
  • PET come materiale, poiché si utilizzano elementi sottili ed elastici
  • Kapton hotbed senza raft
  • Layer 150 µm, ugello 0.5∅ 

L'intero contenuto di questa pagina è protetto dal diritto d'autore.
Senza espressa autorizzazione, non è permesso copiarne il contenuto né utilizzarlo in alcun'altra forma.