• Oltre 40 milioni di magneti a magazzino
  • Oltre 250 000 ordini all'anno

FAQ - Domande e risposte

Perché lo stesso magnete offerto da un vostro concorrente ha il doppio della forza di attrazione?

La forza di attrazione che indichiamo nel nostro shop è stata misurata empiricamente e, in condizione ideali, può effettivamente essere raggiunta. Misurazioni effettuate con strumenti non appropriati portano a una sovrastima dei valori della forza di attrazione, i quali vengono poi così reclamizzati.
Spesso i clienti ci chiedono perché un determinato magnete al neodimio offerto da un nostro concorrente ha una forza di attrazione pari ad es. a 400 kg, mentre il nostro magnete delle stesse dimensioni è molto più "debole". Ora, alcuni concorrenti adottano un metodo di misurazione della forza di attrazione semplicemente sbagliato (vedi sotto). Qui desideriamo illustrarvi il nostro procedimento.
Indice

Il metodo usato da supermagnete per misurare la forza di attrazione

Il metodo per misurare la forza di attrazione cambia da magnete a magnete. Per misurare la forza di attrazione di magneti simmetrici all'asse di rotazione utilizziamo un software, lo stesso che sta anche alla base del nostro tool per la forza di attrazione. Calcola il valore automaticamente in base ai dati inserti. Per i cubi magnetici, i parallelepipedi magnetici e i sistemi magnetici determiniamo la forza di attrazione con una macchina sviluppata a questo scopo. Ne possediamo una professionale dal 2020. Prima lo facevamo con una macchina che avevamo sviluppato noi stessi, di cui potete scoprire di più in basso.

Con questa macchina professionale misuriamo la forza di attrazione quattro o cinque volte. In seguito calcoliamo il valore medio, che poi indicheremo nel nostro shop accanto al relativo prodotto. Potete quindi essere certi che in condizioni ideali i valori della forza di attrazione da noi indicati possono essere effettivamente raggiunti. Nella FAQ "Con quanta forza aderisce questo magnete?" è possibile approfondire che cosa si intende per condizioni ideali.

Misurazioni con la nostra macchina professionale

Preparazione
Avvitiamo i ganci adatti nei magneti con boccola filettata o con filettatura interna e li usiamo per sospendere il magnete con una corda resistente agli strappi (in verde nell'immagine). Sugli altri magneti da misurare incolliamo invece un piccolo pezzo di legno in cui avvitiamo un gancio. Anziché del legno, potremmo usare anche dell'alluminio o un altro materiale non magnetico. L'importante è che la colla non si stacchi alla minima resistenza o alla minima forza.
Il processo di misurazione
1. Fissiamo il magnete a una lastra d'acciaio spessa 2 cm che si trova nella parte inferiore della macchina per misurare la forza di attrazione in modo che il pezzo di legno o il gancio sul magnete guardino verso l'alto.

2. Usiamo una corda per collegare il gancio nel pezzo di legno o sul magnete al meccanismo sulla macchina.

3. Sulla macchina impostiamo la velocità a cui il magnete deve essere staccato dalla lastra d'acciaio. Durante il processo di misurazione, la lastra d'acciaio si muove verso il basso, aumentando la tensione.

4. Una volta effettuate le impostazioni necessarie, basta premere un pulsante perché la macchina si occupi della misurazione.

5. Ripetiamo il processo di misurazione con la stessa velocità un paio di volte posizionando il magnete in modo leggermente diverso ogni volta per includere varie possibilità

6. Dopo aver ripetuto il processo quattro o cinque volte, calcoliamo il valore medio dei risultati. In questo modo siamo sicuri del valore che indichiamo per ogni magnete.

Misurazioni con la macchina per misurare la forza di attrazione sviluppata da noi

Prima di optare per la macchina descritta sopra, determinavamo la forza di attrazione con una macchina che avevamo sviluppato noi stessi. La procedura di misurazione era simile a quella odierna.

Per determinare la forza di attrazione dei nostri magneti al neodimio, calcolavamo prima la forza di attrazione con un software, poi preparavamo i magneti per la macchina utilizzando dei pezzi di legno e dei ganci. Con questa macchina la trazione sui magneti non veniva eseguita in modo automatico, ma manualmente, utilizzando un cric montato sul lato.

Preparazione
Abbiamo incollato su ciascun magnete da misurare un pezzo di legno cui abbiamo avvitato un gancio. Al posto del legno potevamo utilizzare anche alluminio o un altro materiale non magnetico.

Il processo di misurazione
1. Abbiamo fissato il magnete a una lamiera d'acciaio spessa 2 cm nella parte inferiore della macchina. Il pezzo di legno guardava verso l'alto.
2. Abbiamo collegato il gancio della macchina al gancio nel pezzo di legno usando un moschettone.
3. Abbiamo esercitato della forza con il martinetto montato a fianco finché il magnete non si è staccato dalla lamiera. La bilancia digitale integrata si è fermata quando è stato raggiunto il valore massimo della forza di attrazione.

Video di una misurazione

Abbiamo registrato con il video la misurazione della forza di attrazione di un magnete con gancio. Il procedimento è un po' più semplice rispetto a quello descritto sopra, perché il gancio della macchina poteva essere fissato direttamente al gancio del magnete con base in acciaio e non doveva così essere incollato al pezzo di legno. Nel video si sente un rumore improvviso quanto il magnete con gancio si stacca dal metallo. Il momento del distacco si vede al minuto 0:33/34. Anche dopo il distacco il magnete è ancora così vicino alla lastra d'acciaio che bisogna guardare con molta attenzione.

Misurazione errate con l'acciaio

Alcuni fornitori fissano al magnete un pezzo d'acciaio. Il metallo utilizzato come controparte aumenta notevolmente la forza di attrazione del magnete. Con questo metodo si misura in realtà la forza di attrazione di un sistema magnetico (magnete tra due lastre d'acciaio). Questo tipo di misurazione non corrisponde però al metodo standard stabilito per misurare la forza di attrazione (vedi documento in fondo alla pagina).
Questi tentativi di misurazione eseguiti con una tecnica errata portano a supposti valori della forza di attrazione pari per es. a 400 kg per un magnete al neodimio di grandezza 50 x 50 x 25 mm (paragonabile al nostro MAGNETE DELLA MORTE), cosa semplicemente impossibile. Un magnete di queste dimensioni non può raggiungere un tale valore della forza di attrazione neppure con la magnetizzazione più potente N52.
In fin dei conti il cliente viene ingannato da questi fornitori. I nostri valori della forza di attrazione potranno sembrare meno spettacolari di quelli dei nostri concorrenti, ma in compenso possono essere effettivamente raggiunti.

Riassunto

Magneti che hanno proprietà identiche quanto a forma, dimensioni e qualità, possiedono la stessa forza di attrazione. Di conseguenza, un parallelepipedo magnetico di grandezza 50 x 50 x 25 mm e qualità N42 ha una forza di attrazione di ca. 100 kg, indipendentemente dal rispettivo fornitore.